InformativaQuesto sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

crescono le imprese, cresce la Calabria.

trasp.jpg

Accesso civico “semplice”

L’istituto dell’accesso civico “semplice” è disciplinato dall’art. 5 comma 1 del D.Lgs. n. 33/2013 e riconosce a chiunque, indipendentemente dalla titolarità di situazioni giuridiche soggettive, il diritto di richiedere l’accessibilità a documenti, informazioni o dati che l’Amministrazione ha l’obbligo di pubblicare sul proprio sito web istituzionale.

In caso di omissione della pubblicazione i cittadini potranno esercitare il diritto all’accesso civico presentando richiesta al Responsabile della trasparenza.

Il Responsabile della trasparenza di Fincalabra S.p.A., nominato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 6 febbraio 2017, è l’avv. Giovanna Straface.

I recapiti a cui contattarlo sono i seguenti:

 

 

L’istanza di accesso civico è gratuita e non deve essere obbligatoriamente motivata.

Il Responsabile della Trasparenza, ricevuta la richiesta e verificata la sussistenza dell'obbligo di pubblicazione provvede, entro il termine di 30 giorni, alla pubblicazione dei documenti o informazioni oggetto della richiesta nella sezione Amministrazione trasparente del sito istituzionale della Società Fincalabra S.p.A., dandone comunicazione al richiedente, indicando il relativo collegamento ipertestuale.

In caso mancata risposta entro il termine previsto o in caso di diniego può essere avanzata richiesta di riesame al Responsabile della trasparenza, che risponde entro il termine di 20 giorni, oppure proporre ricorso al TAR entro 60 giorni.

 

Accesso civico “generalizzato”

Il comma 2 dell’art. 5 del D.Lgs 33/2013 disciplina invece il cosiddetto accesso civico “generalizzato” che comporta il diritto di chiunque di accedere a dati, documenti ed informazioni detenuti dall’Amministrazione, ulteriori rispetto a quelli per i quali è previsto l’obbligo di pubblicazione, esclusi quelli sottoposti al regime di riservatezza.

La richiesta di accesso civico non deve essere generica ma deve consentire l’individuazione del dato, dell’atto o dell’informazione che si chiede di conoscere.

L’istanza può essere presentata alternativamente:

 

  • all’ufficio che detiene i dati, i documenti o le informazioni (accessocivico@fincalabra.it o pec accessocivico.fincalabra@pec.it c.a. Ufficio____________)
  • al Responsabile della Trasparenza (mail: trasparenza@fincalabra.it; accessocivico@fincalabra.it o pec accessocivico.fincalabra@pec.it)

 

Le istanze possono essere presentate:

  • a mezzo raccomandata A/R agli uffici sopra indicati, unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore, o direttamente presso gli uffici indicati;
  • per via telematica secondo le modalità previste dal C.A.D. (D. Lgs. 82/2005 e ss.mm.ii.).

 

Nello specifico:

  • sottoscritte mediante firma digitale o firma elettronica qualificata;
  • trasmesse mediante la propria casella di posta elettronica certificata;
  • sottoscritte e trasmesse via posta elettronica ordinaria unitamente a copia non autenticata del documento d’identità.

 

Il procedimento di accesso civico deve concludersi con provvedimento motivato e espresso nel termine di trenta giorni (art. 5, c. 6, del d.lgs. n. 33/2013) dalla presentazione dell’istanza con la comunicazione del relativo esito al richiedente e agli eventuali soggetti controinteressati. La comunicazione non è dovuta, ai soggetti controinteressati, nel caso in cui l’istanza riguardi atti, documenti ed informazioni oggetto di pubblicazione obbligatoria.

Tali termini sono sospesi nel caso di comunicazione dell’istanza ai controinteressati durante il tempo stabilito dalla norma per consentire agli stessi di presentare eventuale opposizione (10 giorni dalla ricezione).

In caso di diniego totale o parziale dell’accesso o di mancata risposta, il richiedente può presentare richiesta di riesame al Responsabile della trasparenza, che decide entro il termine di 20 giorni. In alternativa può proporre ricorso al TAR entro 60 giorni.

 

Allegati:

pdficon Regolamento accesso civico

wordicon Modulo di richiesta di accesso civico semplice

wordicon Modulo di richiesta di accesso civico generalizzato

wordicon Modulo di richiesta di riesame

 

Va tenuto distinto dall’accesso civico l’istituto dell’accesso agli atti amministrativi, disciplinato dall’art. 22 e seguenti della L.241/90, che ha lo scopo di consentire, ai soggetti interessati, di esercitare al meglio le facoltà - partecipative e/o oppositive e difensive - che l’ordinamento attribuisce loro a tutela delle posizioni giuridiche qualificate di cui sono titolari.