InformativaQuesto sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

crescono le imprese, cresce la Calabria.

testatapress.jpg

In questi anni FINCALABRA è stata ed ha fatto di tutto, tranne che essere a supporto delle attività produttive e del mondo delle imprese.

Al mio insediamento ho trovato operazioni finanziarie al limite della legalità e che ho denunciato alla Corte dei Conti. È questa tendenza negativa che intendiamo invertire, anzi tutto disegnando strumenti finanziari in accordo con il sistema bancario, al quale chiediamo corresponsabilizzazione per allargare le maglie dell'accesso al credito, per essere concretamente al fianco del tessuto imprenditoriale regionale e rilanciare lo sviluppo. Non abbiamo bisogno della finanza dei rifiuti tossici, dei derivati o di quella che dà i soldi a chi già li ha. Ci interessa, e su questa sfida siamo impegnati insieme al Presidente OLIVERIO, una finanza capace di finanziare le idee e che diventi la leva strategica più efficace per invitare le nuove generazioni e le imprese a restare in Calabria. Il nostro obiettivo, condiviso con la Regione Calabria, è quello di colmare il gap prodottosi fino ad oggi nella finanziaria restituendole il ruolo originario e fondativo che è quello di stare al fianco delle aziende per lo sviluppo ed il lavoro.
 
È quanto ha dichiarato il Presidente di FINCALABRA Spa, Carmelo SALVINO, intervenendo ieri, venerdì 15 aprile, a Lamezia Terme, nel corso dell'incontro promosso dalla CGIL CALABRIA, sul tema "La buona finanza per il rilancio dell'economia del Paese e della nostra regione" ospitato presso la sede di Unioncamere.
 
Fra banche, intermediari finanziari e microcredito. Dove va il settore in una Calabria dove la "cattiva finanza" offusca quella buona. Alla tavola rotonda, coordinata e moderata da Bruna BELMONTE, segretaria regionale Fisac Cgil Calabria, hanno partecipato Giuliano CALCAGNI segretario organizzativo della Fisac Cgil nazionale, Gennaro PATERA segretario generale della Fisac Cgil Calabria, Vittorio DANIELE docente di Politica economica all'Università Magna Graecia di Catanzaro, Arturo BOVA presidente della commissione regionale antimafia, Marina GALATI presidente del Comitato Etico nazionale di Banca Etica.
 
Hanno introdotto l'argomento dell'incontro Giuseppe VALENTINO e Tommaso CHIODO, coordinatore regionale Fisac Cgil di Banca Nuova.