InformativaQuesto sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

crescono le imprese, cresce la Calabria.

testatapress.jpg

“Il cuore della Notte dei Ricercatori sarà l’incontro dei docenti, dei ricercatori e della scienza con tutto il territorio”.

 

 

È con queste parole che il Rettore dell’Università della Calabria, Gino Mirocle Crisci, presenta la quarta edizione della Notte dei Ricercatori, la manifestazione che si svolgerà il prossimo 29 settembre nell’Ateneo di Arcavacata e che, simultaneamente, ha luogo ogni anno in tutta Europa e nei paesi limitrofi, proprio l'ultimo venerdì del mese di settembre.

 

Visto il successo delle passate edizioni, la Regione Calabria, attraverso il Dipartimento Programmazione Nazionale e Comunitaria e insieme a Fincalabra offriranno, anche in questa edizione, il patrocinio e la sponsorizzazione e saranno presenti sul Ponte della Ricerca con i propri stand, proponendo opportunità concrete attorno ai temi della ricerca, dell’innovazione e della cultura. Un’importante occasione di scambio fra saperi, secondo un processo osmotico tra realtà accademica e territorio, a favore dello sviluppo della Calabria.

 

Saranno proprio i progetti e le innovazioni sviluppate nell’ambito del POR Calabria FESR FSE 2014-2020, in particolare gli interventi destinati all’Alta Formazione e alla Ricerca, ad animare lo stand gestito dal Dipartimento Programmazione Nazionale e Comunitaria della Regione Calabria, insieme a CalabriaInnova. Anche grazie all’allestimento interattivo e alla realizzazione di alcuni momenti divulgativi, a cura dei dirigenti regionali, sarà possibile illustrare e far conoscere le numerose opportunità offerte dalla programmazione comunitaria e tutti gli elementi di novità, di semplificazione e trasparenza che caratterizzano la governance dei processi all’interno dell’Amministrazione.

 

“La Regione Calabria ha voluto essere presente anche quest’anno alla Notte dei Ricercatori - ha dichiarato il Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio - perché rappresenta una significativa opportunità per testimoniare, in maniera diretta, la forte attenzione che questa Amministrazione rivolge alla formazione accademica e alla ricerca, terreno su cui si gioca la sfida cruciale del cambiamento e delle politiche di sviluppo della Calabria. In questa direzione, infatti, l’Amministrazione Regionale ha deciso di investire rilevanti risorse del POR Calabria 2014-2020 con l’obiettivo di valorizzare il sistema dell’alta formazione e le sinergie tra il mondo della ricerca e quello delle imprese, puntando a promuovere il diritto allo studio e la valorizzazione dei talenti, delle conoscenze e delle opportunità.

 

Abbiamo stanziato - prosegue Oliverio - quasi 2,5 milioni di eurol’anno di risorse aggiuntive, oltre quelle ministeriali per il diritto allo studio, garantendo una borsa a più di 1300 giovani nelle prime due annualità, proprio per consentire a coloro che meritano, ma non hanno i mezzi per farlo, di andare avanti. Abbiamo voluto innalzare, inoltre, il ruolo del sistema dell’Alta Formazione elaborando un Progetto Strategico che offre maggiori opportunità per i giovani calabresi, rafforzando la capacità di sviluppare ricerca di eccellenza e potenziando i percorsi di specializzazione, le dotazioni infrastrutturali e i laboratori di settore, l’internazionalizzazione dei percorsi formativi.

 

Abbiamo, inoltre, già dato avvio a importanti linee di azione e grazie ai primi bandi del POR Calabria sono circa 150 i ricercatori che saranno impiegati nei progetti di R&S o nei servizi innovativi attivati dalle Piccole e Medie imprese beneficiarie. Un primo risultato -  conclude il Presidente Oliverio - che contiamo di veder aumentare nelle prossime settimane via via che le procedure arriveranno a completamento”.

 

La Notte Europea dei Ricercatori sarà un importante momento dedicato interamente alla scienza e che rappresenta un'occasione unica per incontrare ricercatori, parlare con loro e scoprire cosa fanno concretamente per la società in modo coinvolgente e partecipativo. Il format prevede, infatti, un programma ricco di attività, approfondimenti e attrazioni. L’inizio è fissato alle 9.30 con “Sperimenta la ricerca”: circa 110 visite nei laboratori, nei centri, nelle strutture e nei musei dell’Ateneo che ogni anno coinvolge circa 20 mila studenti. Eventi sportivi e una rassegna cinematografica. 

 

Ricerca, innovazione, tecnologia, progettazione e scoperte: saranno le parole d’ordine che caratterizzeranno tutte le iniziative dell’intera giornata del 29 settembre. Non mancherà la dimensione artistica che animerà l’intero Ateneo di Arcavacata fino a tarda