InformativaQuesto sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

crescono le imprese, cresce la Calabria.

testatapress.jpg

Il grande complesso di VeronaFiere ospita annualmente Vinitaly, l'appuntamento più importante per cantine e produttori di vino italiani, una delle principali vetrine per presentarsi ai mercati nazionali ed internazionali.

Anche quest'anno la Regione Calabria, con il suo Dipartimento all’Agricoltura, diretto dall’ing. Carmelo Salvino, anche presidente di Fincalabra, è presente fino al 18 aprile, al padiglione 12, con circa 60 aziende e cantine, con tre consorzi e con la forte presenza istituzionale del brand Rosso Calabria. La sezione Sol&Agrifood promuove anche gli oli ed alcune tipicità della gastronomia regionale.

"Abbiamo voluto essere testimoni con la nostra presenza - dichiara Giuliana Barberi, Vice Presidente di Fincalabra - dell'azione di supporto che la finanziaria regionale svolge a sostegno delle imprese. Ci inorgoglisce che la nostra Calabria sia qui rappresentata da aziende che producono vini di altissima qualità e che hanno tutte le carte in regola per trovare nuovi sbocchi commerciali sia in Italia che all'estero".

"Quale soggetto gestore di interventi della Regione Calabria a valere sui fondi comunitari - prosegue la Barberi - abbiamo spesso sostenuto imprese del settore vitivinicolo. Ne registriamo, infatti, la presenza tra i beneficiari anche dei più recenti bandi finalizzati all'acquisizione di impianti e macchinari produttivi, all'introduzione di soluzioni di ICT ed all'ottenimento di servizi per l'internazionalizzazione".


"Il trend dell'export per il settore dei vini - aggiunge la Vicepresidente - è in costante crescita ed i grandi paesi stranieri, Cina, Russia, USA, sono sempre più interessati al vino, anche quello calabrese. I dati in nostro possesso ci restituiscono un quadro interessante, soprattutto che esiste spazio nei mercati stranieri anche per aziende produttrici di piccole dimensioni, di cui la Calabria è costellata, che sovente realizzano prodotti di nicchia, apprezzati ed apprezzabili anche fuori dalla nostra regione."